mercoledì 14 maggio 2008

LA SQUADRA SUICIDA/2

EPISODIO IVbis: SENZA PORTAFOGLI, MA RIMEDIEREMO PRESTO

Raffaele Fitto ministro per i Rapporti con le Regioni. Figlio di tanto padre, il pugliese Raffaele Fitto è indagato dalla Procura di Bari per corruzione, falso e illecito finanziamento ai partiti. Non è uno scherzo. Quest'uomo è ministro.

Gianfranco Rotondi ministro per l’Attuazione del Programma. Avellinese, è amico di Bruno Contrada, ex dirigente SISDE condannato per mafia. Molti amici, molto onore.

Renato Brunetta è ministro per la Pubblica amministrazione e l'Innovazione. La sua prima proposta è stata di licenziare tutti i dipendenti pubblici fannulloni e improduttivi. Quando si è reso conto che avrebbe dovuto mandare a casa la metà dei parlamentari, ha subito riformulato la proposta: vanno mandati a casa solo gli improduttivi di sinistra.

Mara Garfagna ministro per le Pari opportunità. è stata tutto: letterina, schedina, velina, meteorina ora è pronta a fare la ministra, anzi la minestrina.

Andrea Ronchi ministro per le Politiche Comunitarie vero esempio del finiano asservito alle logiche berlusconiane. E infatti è un ex giornalista.

Elio Vito è ministro per i Rapporti con il Parlamento, per dimostrare la sua spiccata voglia di "rapporti" con il parlamento, basta dire che è alla sesta legislatura pur avendo poco più di 45 anni. Il cugino fu beccato con cinque miliardi di tangentine intascate a Napoli. Ma si sa come dice il proverbio: "che le colpe dei cugini, non ricadano sui consanguinei di ogni ordine e grado."

Umberto Bossi ministro per le Riforme per il Federalismo. Lo stephen hawking della politica dice che ha 300.000 fucili caldi e non vede l'ora di usarli... perché non ne usa almeno uno, si spara e la fa finita?

Giorgia Meloni ministro per le Politiche per i Giovani. Questa donna raccoglie le caratteristiche vincenti della destra italiana. L'arte oratoria di Gasparri, la finezza di Storace, la capacità analitica di Alemanno, l'onestà intellettuale di Ronchi, la bellezza di Matteoli.

Roberto Calderoli ministro per la Semplificazione Normativa. l'uomo giusto al momento giusto. Grazie a lui per votare basterà una scorreggia, comunicheremo con i municipi attraverso i rutti, le caccole saranno la nuova moneta unica e con la creta di cane manderemo avanti questo Stato italiano di mer...

a breve la fine di questa mia personale trilogia... la mia squadra.

2 commenti:

Marco Rizzo ha detto...

più lucido di tanti analisti politici... ;)

ps: t'ho incatenato, vai sul mio blog ;)

emo ha detto...

Buongiorno :)